Battaglia di Mari - 24 agosto 1266

Campagne militari, guerre e battaglie
Rispondi
Avatar utente
Veldriss
"IL CREATORE"
"IL CREATORE"
Messaggi: 5349
Iscritto il: 21 ottobre 2008, 10:55
Località: Sovere (BG)
Contatta:

Battaglia di Mari - 24 agosto 1266

Messaggio da leggere da Veldriss »

La battaglia di Mari, detta anche il disastro di Mari, fu combattuta tra i Mamelucchi d'Egitto e gli armeni della Cilicia il 24 agosto 1266.

Il conflitto iniziò quando il sultano mamelucco Baybars intimò al re armeno Aitone I di accettarlo come sovrano abbandonando l'alleanza con i mongoli e di consegnare ai Mamelucchi i territori e le fortezze che Aitone aveva acquisito grazie alla sua alleanza con i mongoli.

A seguito di tali minacce, Aitone I si recò alla corte mongola dell'Il-Khan in Persia per ottenere supporto militare, ma durante la sua assenza i Mamelucchi mossero sulla Cilicia guidati da Mansur II e dal comandante mamelucco Qalawun.

Due figli di Aitone I, Leone (il futuro re Leone III) e Thoros prepararono la difesa rafforzando le guarnigioni delle fortezze all'entrata del territorio della Cilicia. Ma i Mamelucchi superarono le fortezze passando attraverso le montagne, ed incontrarono e sconfissero gli armeni a Mari, vicino Darbsak il 24 agosto 1266. Leone fu fatto prigioniero e Thoros fu ucciso in azione. Anche Vasil Tatar, Il figlio armeno-mongolo del Connestabile Sempad, fu preso prigioniero dai Mamelucchi e tenuto in cattività con Leone; tuttavia è stato riferito che furono trattati bene.

Dopo la vittoria i Mamelucchi saccheggiarono le tre maggiori città della pianura della Cilicia: Mamistra, Adana e Tarsus, ed anche il porto di Laiazzo. Un altro gruppo di Mamelucchi guidato da Mansur prese la capitale, Sis. Il saccheggio durò 20 giorni e 40,000 armeni furono fatti prigionieri.

Quando arrivò Aitone I con le truppe mongole, il paese era gìa stato devastato. Aitone I per ottenere la restituzione di suo figlio Leone, dovette cedere il controllo delle fortezze armene di confine ai Mamelucchi. Nel 1269 Aitone I abdicò in favore di suo figlio e si fece monaco, morì un anno più tardi.

Leone fu lasciato nella scomoda situazione di tenere la Cilicia sotto la sovranità dell'Impero mongolo mentre, allo stesso tempo, pagava tributi ai Mamelucchi.
Rispondi