CARTE EVENTI - FASE 2 - ESTRAPOLAZIONE IDEE

Suggerimenti dei giocatori, impressioni, proposte sulle partite a cui avete partecipato
Avatar utente
Veldriss
"IL CREATORE"
"IL CREATORE"
Messaggi: 5349
Iscritto il: 21 ottobre 2008, 10:55
Località: Sovere (BG)
Contatta:

CARTE EVENTI - FASE 2 - ESTRAPOLAZIONE IDEE

Messaggio da leggere da Veldriss »

Inizia qui il lungo lavoro di rilettura di tutte le informazioni storiche raccolte fin'ora per estrapolare il maggior numero di idee che poi porteranno, dopo essere state rielaborate e integrate con il possesso di TECNOLOGIE, alla creazione del maggior numero possibile di CARTE EVENTI storicizzate.
Dubito che la prima fase di lettura ed estrapolazione duri meno di un mese visto le ore di tempo libero che ho a disposizione... Sto già male adesso al solo pensarci... Se poi vi dicessi che nemmeno la fase precedente di raccolta informazioni è ancora terminata?

Ma non pensiamoci, 1 passo alla volta è sempre 1 passo in più fatto e un passo in meno da fare :D :D :D.

In questa prima fase metterò un link alla discussione a cui faccio riferimento in modo da poter accedere al testo completo velocemente casomai avessi dubbi, sotto il testo estrapolato dalla discussione stessa e sotto l'idea che mi servirà nella seconda fase per creare le bozze delle nuove CARTE EVENTI storicizzate.

---

EDIT: per quanto riguarda l'incontro con personaggi storici, invenzioni, scoperte, bonus, malus, ecc. ecc. ecc., ricordarsi di utilizzare ogni tanto:
- sconto acquisto tecnologie
- aumento costo tecnologie
- impossibilità di sfruttare un determinato ramo tecnologico
- tecnologia gratis
Avatar utente
Veldriss
"IL CREATORE"
"IL CREATORE"
Messaggi: 5349
Iscritto il: 21 ottobre 2008, 10:55
Località: Sovere (BG)
Contatta:

REPUBBLICA DI GENOVA

Messaggio da leggere da Veldriss »

http://www.medioevouniversalis.org/phpB ... =958#p2552

La Repubblica marinara di Noli fornì al re francese Luigi IX “il Santo” la nave che lo portò all’assedio di Tunisi nel 1270.

Idea: se Genova e Venezia sono cristiane e/o barbare, quando ci sarà una CROCIATA via mare, sarà disponibile 1 GALEA extra.
Potrei articolare l'evento con pagamento di territori in cambio di GALEE oppure se un giocatore possiede tutta una Repubblica (Genova o Venezia) ha diritto ad 1 GALEA in più.

------

http://www.medioevouniversalis.org/phpB ... =958#p2609

Trattato di Ninfeo (1261) prevedeva l'appoggio genovese nella ripresa di Costantinopoli agli imperatori latini con una flotta ormeggiata nel porto della capitale bizantina, onde evitare incursioni veneziane dal mare, ed il successivo impegno da parte genovese di provvedere alla difesa marittima del ricostituito impero.
Da parte del Paleologo vi era l'impegno a scacciare i nemici dei genovesi dal proprio territorio, di concedere loro ogni privilegio commerciale ed il controllo marittimo degli stretti per il Mar Nero.

Idea: il giocatore può stringere un'alleanza con una "Repubblica Marinara" (compreso Genova, Venezia, Regno di Aragona, Regno di Sicilia, Regno di Danimarca, Regno di Svezia, Regno di Norvegia) se è ancora un Regno barbaro, ottenendo subito 1 GALEA extra, ma costretto a dichiarare guerra ai giocatori che attaccheranno la sua alleata... Oppure rompere il trattato e rinunciare alla GALEA extra.
Inoltre la "Repubblica Marinara" può commerciare solo con il giocatore alleato.

------

http://www.medioevouniversalis.org/phpB ... =958#p2610

Guglielmo Boccanegra fu il firmatario del trattato di Ninfeo (vedi sopra)...

Sostenitore della fazione ghibellina... Ebbe a cuore, inoltre, le opere di fortificazione cittadina a partire dalle alture del Castelletto, con l'erezione di possenti mura difensive.

Idea: o qualcosa per guelfi e ghibellini.

Idea: carte personaggio che raccontano in breve la loro storia e attivano ad esempio in questo caso, il Trattato di Ninfeo e 1 livello extra di mura a Genova.

Idea: evento che fa aumentare di 1 livello le fortificazioni di 1, 2 o al massimo 3 città in 1 zona... lancio dadi, quindi anche città dei barbari? Bonus da ARCHITETTURA, INGEGNERIA per avere 1 fortificazione in più?

------

http://www.medioevouniversalis.org/phpB ... 112#p19112

Dopo la caduta delle ultime piazzeforti cristiane in Medioriente le vie terrestri per il commercio delle spezie erano divenute impraticabili e si avvertiva l'esigenza di aprire una via commerciale alternativa... Intendevano arrivare in India circumnavigando l'Africa.

Idea: dare la possibilità ai giocatori di finanziare il viaggio, ognuno mettendo la cifra che desidera. Poi si lancia un dado e in base alle tecnologie bonus come TESSITURA, CARTOGRAFIA, ASTRONOMIA e magari altre, si ha un modificatore al tiro del dado... se il lancio del dado ha successo il viaggio ha raggiunto la meta ed è tornato con il ricavato in base alla cifra investita da ogni giocatore che ha partecipato.
Andrea
CASTELLANO
CASTELLANO
Messaggi: 159
Iscritto il: 30 giugno 2016, 18:25

Re: Le carte eventi casuali

Messaggio da leggere da Andrea »

Veldriss, quando scriverai le farte evento, evita di usare la parola medioevo, al tempo non era usata, è un termine storico usato dopo, dopotutto che senso aveva, per loro, chiamare il loro presente età di mezzo. Sarebbe un brutto strafalcione storico. ;)
"Al mio funerale sarà bello assai perché ci saranno parole, paroloni, elogi, mi scopriranno un grande attore: perché questo è un bellissimo Paese, in cui però per venire riconosciuto di qualcosa, bisogna morire."
Antonio de Curtis, in arte Totò
Avatar utente
Veldriss
"IL CREATORE"
"IL CREATORE"
Messaggi: 5349
Iscritto il: 21 ottobre 2008, 10:55
Località: Sovere (BG)
Contatta:

Re: Le carte eventi casuali

Messaggio da leggere da Veldriss »

Ok, terrò presente il tuo consiglio... Un po' come i bizantini che si chiamavano romei.
Comunque dipenderà da come verranno scritte le carte.
Tanto poi le posterò qui per cui se troverai degli errori me li farai notare sicuramente ;) .
Andrea
CASTELLANO
CASTELLANO
Messaggi: 159
Iscritto il: 30 giugno 2016, 18:25

Re: Le carte eventi casuali

Messaggio da leggere da Andrea »

Veldriss ha scritto:http://www.medioevouniversalis.org/phpB ... =958#p2552

La Repubblica marinara di Noli fornì al re francese Luigi IX “il Santo” la nave che lo portò all’assedio di Tunisi nel 1270.

Idea: se Genova e Venezia sono cristiane, quando ci sarà una CROCIATA via mare, sarà disponibile 1 GALEA extra.

------
Una GALEA ad ogni giocatore cristiano o al possessore? Ma per Genova si intende l'interezza della Repubblica di Genova o Genova città?
Veldriss ha scritto: medioevouniversalis.org/phpBB3/viewtopic.php?f=10&t=958#p2609

Trattato di Ninfeo (1261) prevedeva l'appoggio genovese nella ripresa di Costantinopoli agli imperatori latini con una flotta ormeggiata nel porto della capitale bizantina, onde evitare incursioni veneziane dal mare, ed il successivo impegno da parte genovese di provvedere alla difesa marittima del ricostituito impero.
Da parte del Paleologo vi era l'impegno a scacciare i nemici dei genovesi dal proprio territorio, di concedere loro ogni privilegio commerciale ed il controllo marittimo degli stretti per il Mar Nero.

Idea: il giocatore può stringere un'alleanza con una "Repubblica Marinara" (compreso Genova, Venezia, Regno di Aragona, Regno di Sicilia, Regno di Danimarca, Regno di Svezia, Regno di Norvegia) se è ancora un Regno barbaro, ottenendo subito 1 GALEA extra, ma costretto a dichiarare guerra ai giocatori che attaccheranno la sua alleata... Oppure rompere il trattato e rinunciare alla GALEA extra.
Inoltre la "Repubblica Marinara" può commerciare solo con il giocatore alleato.
Non potrebbe essere un modo per gli avversari di farsi dichiarare guerra senza spendere PO?
"Al mio funerale sarà bello assai perché ci saranno parole, paroloni, elogi, mi scopriranno un grande attore: perché questo è un bellissimo Paese, in cui però per venire riconosciuto di qualcosa, bisogna morire."
Antonio de Curtis, in arte Totò
Avatar utente
Veldriss
"IL CREATORE"
"IL CREATORE"
Messaggi: 5349
Iscritto il: 21 ottobre 2008, 10:55
Località: Sovere (BG)
Contatta:

Re: Le carte eventi casuali

Messaggio da leggere da Veldriss »

1 GALEA in tutto, non importa il numero dei giocatori cristiani che partecipano alla crociata.

Si, l'idea di fondo è quella, ma non è obbligatorio stipulare il trattato, sta al giocatore valutare i pro ed i contro di stipularlo.
Avatar utente
Veldriss
"IL CREATORE"
"IL CREATORE"
Messaggi: 5349
Iscritto il: 21 ottobre 2008, 10:55
Località: Sovere (BG)
Contatta:

BASILEIA TON ROMAION (Bizantini)

Messaggio da leggere da Veldriss »

http://www.medioevouniversalis.org/phpB ... =983#p6574

Le evidenti difficoltà dell'impero bizantino vennero superate allorquando papa Clemente IV accettò le proposte di Michele per nuove trattative sull'unificazione delle due Chiese. Sennonché il papa morì nel 1268 e l'imperatore trovò nel pio re di Francia, Luigi IX, un insperato alleato che riuscì a trattenere il fratello dai suoi piani di aggressione a Bisanzio ed a condurlo con sé nella crociata contro Tunisi dell'estate del 1270.

Illusione della riunificazione delle due Chiese
Papa Gregorio X non era più intenzionato a tergiversare sul problema dell'unificazione. Ammonì i Veneziani dal rinnovare gli accordi con i bizantini e permise a Carlo d'Angiò di sviluppare un'intensa attività diplomatica nei Balcani.
Nonostante l'opposizione della sua chiesa, nel 1273 Michele si accordò con il legato papale e riuscì a convincere una parte della chiesa ortodossa ad accettare l'unione. Lo storico atto venne perfezionato durante il concilio di Lione il 6 luglio 1274 e prevedeva il riconoscimento da parte della chiesa ortodossa del primato romano e della sue fede.
I benefici per l'accordo non mancarono: Carlo d'Angiò dovette rinunciare alla progettata conquista, firmando un armistizio fino al 1º maggio 1276, e Venezia nel marzo 1275 rinnovò il trattato con l'Impero bizantino. Tuttavia il prezzo che Michele dovette pagare fu una grave crisi interna. I suoi rapporti con la Chiesa erano stati sin dall'inizio del suo regno assai problematici. Scomunicato dal Patriarca Arsenio Autoreianus, fanatico asceta, per l'accecamento dell'imperatore legittimo, Giovanni Lascaris, l'imperatore riuscì con difficoltà ad allontanarlo dal suo incarico (1266). Si creò però una fazione, gli arsenisti, ostile alla sua politica ed alla Chiesa ufficiale. Il Patriarca subentrato, Giuseppe I Galesiotes, non si lasciò convincere ad accettare l'unione delle Chiese e quindi fu necessaria una nuova e violenta sostituzione nella persona di Giovanni XI Bekkos. La popolazione bizantina, per la quale l'ortodossia era la cosa più sacra ed inviolabile, si ribellò all'imperatore. La frattura e la contestazione coinvolse anche la stessa famiglia imperiale.
Dopo la morte di Gregorio X (1276) a Roma si rafforzò l'influenza angioina e si interruppe l'alleanza bizantino - romana. L'elezione del francese Martino IV nel 1281 fece del papa uno strumento potente per la politica di Carlo d'Angiò. Con il patrocinio del pontefice fu concluso ad Orvieto un trattato per la restaurazione dell'impero romano usurpato sotto la guida di Filippo, figlio di Baldovino II (3 luglio 1281). Inoltre il papa condannò come scismatico l'accordo conciliare del 1274 per l'unione delle chiese. La politica unionista di Michele VIII era così definitivamente fallita.

Idea: possibilità per i bizantini di cambiare religione, da ortodossi a cattolici, andranno pensati bonus e malus.
Rischio di GUERRA CIVILE.

------

Michele VIII cercò di neutralizzare l'influenza del re di Sicilia mediante un'accorta politica matrimoniale sia con i greci occidentali che con i paesi slavi. Ma alle trattative non andate a buon fine con il regno serbo si cercò di riequilibrare la situazione opponendo un legame di sangue con il regno di Ungheria: il figlio di Michele, Andronico II Paleologo, erede al trono, sposò la figlia del re di Ungheria.
Nonostante il matrimonio fra lo zar bulgaro, Costantino, e la nipote di Michele, Maria, nel 1272 scoppiò una guerra con la Bulgaria per la contesa, ricorrente, delle città di Anchialo e Mesembria, importanti roccaforti sul mar Nero. Ma dovettero ritirarsi a causa della nuova mossa del Paleologo: l'alleanza con i Mongoli.
Infatti Imperatore Michele nel 1263 firmò un trattato con il Khan Dell'Orda D'oro cui diede in sposa la figlia Eufrosine mentre pochi anni dopo Maria Paleologa (sorella della precedente) sposò Abaqa Khan degli Ilkhanidi di Persia.
è nota anche una lettera del papa Papa Clemente IV da Viterbo, secondo la quale Abaqa aveva accettato di unire le forze con il suo suocero Michele VIII per aiutare i Latini in Terra Santa, in preparazione per l'ottava crociata (la seconda di Luigi IX):
"Il re di Francia e Navarra, prendendo a cuore la situazione in Terra Santa, e decorato con la Santa Croce, sono essi stessi a preparare gli attacchi nemici della Croce. Ci ha scritto che lei ha voluto unirsi al suocero (il greco imperatore Michele VIII di Bisanzio) per assistere i Latini. Abbondantemente Noi ti lodiamo per questo, ma non siamo in grado di dirvi ancora, prima di aver chiesto ai governanti, quale via stiano progettando di seguire. Ti prego di trasmettere loro il vostro consiglio In modo da illuminare le loro deliberazioni, di informarci, attraverso un messaggio di ciò che sarebbe stato deciso. "
Oltre a questa lettera sono noti gli aiuti Mongoli a Bisanzio: prima contro la Bulgaria (come già detto) e poi contro i greci di Epiro e Tessaglia in rivolta contro Bisanzio; grazie a 6.000 soldati Mongoli la Tessaglia fu riconquistata e l'Epiro venne reso vassallo.
In questo modo all'accerchiamento dei potenziali nemici di Bisanzio, Michele seppe contrapporre un adeguato sistema di alleanze mediante una serie di trattati ed accordi diplomatici.
Inoltre, per difendere al meglio l'impero il basileus fece costruire una flotta di 120 Dromoni con la quale l'ammiraglio Licario riuscì a riconquistare l'Eubea e quasi tutte le isole dell'egeo dai signori feudali veneziani.

Idea: possibilità di alleanze facilitate tra bizantini e mongoli, se accettata c'è invio di (6?) armate mongole ai bizantini (prese dalla riserva).

------------

http://www.medioevouniversalis.org/phpB ... =983#p6574

Oltre a questa lettera sono noti gli aiuti Mongoli a Bisanzio: prima contro la Bulgaria (come già detto) e poi contro i greci di Epiro e Tessaglia in rivolta contro Bisanzio; grazie a 6.000 soldati Mongoli la Tessaglia fu riconquistata e l'Epiro venne reso vassallo.

Idea: possibili rinforzi da parte del Khanato dell'Orda d'Oro ai Bizantini.

------------

http://www.medioevouniversalis.org/phpB ... =983#p6575

Cercando di risollevare le non prospere condizioni del tesoro bizantino, tuttavia, fu spinto a compiere gravi errori in quanto decise nel 1285 di smantellare gran parte della flotta bizantina riducendo il numero delle navi da 120 a 20, rendendo così l'impero bizantino sempre più dipendente dalle rivali repubbliche marinare di Venezia e Genova. Altro errore particolarmente grave fu parimenti la riduzione degli effettivi dell'esercito stanziale dell'impero che passò da 12.000 a 4.000 uomini affidandosi totalmente alle compagnie mercenarie in caso di necessità atto che espose ancor di più le frontiere dell'impero alla minaccia straniera cui però sdi aggiungeva il fatto che le milizie dell'impero, in caso di rivolta dei mercenari erano assolutamente insufficienti per reprimerle.

Idea: possibilità per i giocatori di convertire fiorini in armate e mezzi da guerra e/o viceversa a dei cambi vantaggiosi.

---------

L'opera e l'influenza del co-imperatore fu estremamente importante nella riforma del sistema giudiziario bizantino, viziato da una fortissima corruzione. La riforma prevedeva l'istituzione di un "Tribunale supremo dei Romani" composto da 12 giudici, 8 laici e 4 provenienti dal clero ortodosso, le cui sentenze erano inappellabili e con specifica competenza sul reato di corruzione, cui furono aumentate le pene mentre la codificazione fu riscritta in modo da renderla più flessibile. Fu certamente un' innovazione notevole anche se non fu sufficiente a curare il problema visto che lo stesso imperatore fu costretto ad esiliare 3 giudici proprio perché corrotti.

Idea: se i giocatori hanno determinate tecnologie (LEGGE, FILOSOFIA, ecc ecc) possono avere degli introiti maggiori dalle tasse o delle riduzione di costi durante la FASE ACQUISTO.

---------

Se le manovre diplomatiche poterono risolvere tali problemi, lo smantellamento di strutture militari ebbe esiti fatali in altre situazioni. L' assenza di una flotta aveva stretto ancora maggiormente il rapporto tra Costantinopoli e Genova, cui Michele aveva concesso un quartiere a Galata.

Idea: dare la Repubblica di Genova ai bizantini, ma questo gli costa X fiorini ogni turno... se smettono di pagare la Repubblica di Genova torna ai barbari.
Andrea
CASTELLANO
CASTELLANO
Messaggi: 159
Iscritto il: 30 giugno 2016, 18:25

Re: Le carte eventi casuali

Messaggio da leggere da Andrea »

Veldriss ha scritto: Idea: dare la possibilità ai giocatori di finanziare il viaggio, ognuno mettendo la cifra che desidera. Poi si lancia un dado e in base alle tecnologie bonus come TESSITURA, CARTOGRAFIA, ASTRONOMIA e magari altre si ha un modificatore al tiro del dado... se il lancio del dado ha successo il viaggio ha raggiunto la meta ed è tornato con il ricavato in base alla cifra investita da ogni giocatore che ha partecipato.
Ma le tecnologie sono tutte messe in comune o considerate quelle di ogni giocatore? Secondo me è più giusto la prima, perché è più facile e plausibile. Però direi che alla fine del viaggio, se va bene, chi non aveva una di queste tecnologie ed un altro giocatore le aveva il primo le copia dall'avversario.
"Al mio funerale sarà bello assai perché ci saranno parole, paroloni, elogi, mi scopriranno un grande attore: perché questo è un bellissimo Paese, in cui però per venire riconosciuto di qualcosa, bisogna morire."
Antonio de Curtis, in arte Totò
Avatar utente
Veldriss
"IL CREATORE"
"IL CREATORE"
Messaggi: 5349
Iscritto il: 21 ottobre 2008, 10:55
Località: Sovere (BG)
Contatta:

Re: Le carte eventi casuali

Messaggio da leggere da Veldriss »

Andrea ha scritto:
Veldriss ha scritto: Idea: dare la possibilità ai giocatori di finanziare il viaggio, ognuno mettendo la cifra che desidera. Poi si lancia un dado e in base alle tecnologie bonus come TESSITURA, CARTOGRAFIA, ASTRONOMIA e magari altre si ha un modificatore al tiro del dado... se il lancio del dado ha successo il viaggio ha raggiunto la meta ed è tornato con il ricavato in base alla cifra investita da ogni giocatore che ha partecipato.
Ma le tecnologie sono tutte messe in comune o considerate quelle di ogni giocatore? Secondo me è più giusto la prima, perché è più facile e plausibile. Però direi che alla fine del viaggio, se va bene, chi non aveva una di queste tecnologie ed un altro giocatore le aveva il primo le copia dall'avversario.
Andrà ragionato se proporre 1 unico viaggio per tutti e tutti collaborano per il successo, oppure ognuno ha la possibilità di organizzare il suo viaggio... valutando il periodo, per quello che posso supporre, secondo me difficilmente collaborerebbero insieme per una cosa del genere... FORSE i giocatori della stessa religione, ma dubito e a questo punto sarei più propenso per il "ognuno pensa per se".
Andrea
CASTELLANO
CASTELLANO
Messaggi: 159
Iscritto il: 30 giugno 2016, 18:25

Re: Le carte eventi casuali

Messaggio da leggere da Andrea »

Una specie di corsa all'ora il primo che arriva ottiene anche i soldi della tratta. Pensandoci è un po' difficile che storicamene un mamelucco e un francese collaborino per scoprire una tratta, magari poi sono anche in guerra. :lol:
"Al mio funerale sarà bello assai perché ci saranno parole, paroloni, elogi, mi scopriranno un grande attore: perché questo è un bellissimo Paese, in cui però per venire riconosciuto di qualcosa, bisogna morire."
Antonio de Curtis, in arte Totò
Rispondi